Tutorial espositore per gioielli

Oggi vi voglio proporre un mio tutorial.

A inizio mese ho fatto la mia prima bancarella 🙂 e quindi mi son dovuta attrezzare con tutto il necessario. Non avendo un espositore che contenesse tutti i miei gioielli me lo sono costruito! Il mio amico falegname Andrea ❤ mi ha aiutata, tagliando i pannelli di legno e mettendo le cerniere.

Se vi piace come è venuto seguite questo tutorial ed in pochissimo tempo avrete un espositore delle dimensioni che volete, semplice da trasportare e facilissimo da realizzare.

L’idea mi è venuta pensando ad un paravento, un oggetto che amo tanto…

Ecco cosa vi servirà:

  •  Due o più pannelli in legno (meglio se di recupero) dello spessore di 1 cm e delle dimensioni che volete voi. Io ho usato due pannelli 33×70 per l’espositore rivestito in yuta e e due pannelli 39×70 per l’espositore viola. Se lo volete più grande basta mettere più panneli (uniti come nei paraventi),  e/o pannelli più grandi;
  •  Un amico falegname che vi tagli i pannelli se non lo potete fare da sole 🙂 … A proposito… se vi serve un bravissimo falegname ebanista a Siracusa e dintorni fatemi sapere 😉 … l’uncinettone che si vede nella foto sopra l’espositore viola l’ha scolpito lui 😉 ed io naturalmente l’ho subito usato…
  •  Della stoffa (meglio se imbottita o comunque spessa), per rivestire i pannelli;
  •  Sparapunti per attaccare la stoffa ai pannelli;
  •  Forbice per tagliare la stoffa;
  •  Macchina da cucire per fare l’orlo alla stoffa (se necessario)… dipende dal tipo di stoffa che usate;
  •  2 cerniere con viti;
  •  degli spilli con la testina in plastica per appendere i gioielli.

Partiamo subito col tutorial!

1) Tagliare i pannelli della misura desiderata.

2) Rivestire di stoffa i pannelli attaccandola con la sparapunti.

Nel mio caso ho dovuto fare l’orlo con la macchina da cucire alla stoffa in yuta.

Per quella viola invece non è stato necessario perchè è un tipo di stoffa che tagliandola non sfila ed è pure leggermente imbottita di gommapiuma (come si vede dalla foto)… cosa fra l’altro molto utile per poterci attaccare gli spilli! 🙂

3) Avvitare le cerniere

4)Appendere i propri gioielli infilando gli spilli dove serve 🙂

Come si vede dalle immagini ho appeso “I gioielli delle fate” 🙂 (filo di nylon lavorato all’uncinetto con perline) nell’espositore viola e invece in quello in yuta ho messo collane e orecchini in camera d’aria (di camion)….

In questo mese ho un po’ abbandonato il blog anche per questo motivo, sperimentazioni in corso 🙂 … appena riesco fotografo tutti i gioielli che ho fatto ultimamente!

Ahhhh…. un ultima cosa prima di chiudere questo post….

Costruendo questi espositori ho pensato ai possibili problemi e me ne è venuto in mente solo uno… cosa fare se la stoffa si sporca, si macchia o semplicemente ha un colore non adatto come sfondo?

Ho pensato (ma non ancora fatto) di fare dei rettangoli di stoffa su misura, da applicare in modo provvisorio sui pannelli, forse con degli spilli o con degli elastici o laccetti che si annodano dietro, ancora non so… che ne pensi? 😉

Annunci

Eterei… gioielli all’uncinetto

E finalmente l’ho fatto, ho affrontato anche la parte per me più noiosa, ovvero fare le foto e caricare le mie creazioni su Blooming!

In questo periodo sto creando molto, soprattutto gioielli ma non solo…

Eh si perchè presto farò la mia prima bancarella 🙂 e la voglio piena piena di cose belle! 🙂

Ho sperimentato con le camere d’aria di biciclette e camion, ma ancora devo continuare perchè finchè non sono soddisfatta al 100% non se ne parla proprio di farvi vedere le mie creazioni! 😉  Sono abbastanza precisa, ai limiti del maniacale per queste cose, perciò vi (anzi ci) tocca aspettare prima di vedere le mie creazioni con le camere d’aria…

In compenso sono passata all’altro estremo, dalla parte opposta, ovvero dalla “pesantezza” e corposità delle camere d’aria, alla leggerezza ed evanescenza di queste creazioni che vi presento oggi, la linea Evanescence appunto. 🙂

Sono gioielli leggerissimi e molto eleganti, a me piacciono molto anche perchè da lontano non si vede il sottilissimo filo di nylon e le perline sembrano sospese in aria!

Ma ora basta parlare, metto le foto e giudicate voi…

Se volete acquistare qualcosa, cliccate qui! 🙂

Tutorial: Collana all’uncinetto

Devo dire che quando l’ho vista per la prima volta su Pinterest, l’ho scambiata per una borsetta. Molto probabilmente perchè me ne ricorda un po’ una che ho fatto recentemente, in lana bianca e “con i fronzoli” 🙂 ma molto complessa e in 3d, a forma di sfera… Quando mi deciderò a foderarla ve la farò vedere! Comunque penso che prima o poi ne farò un’altra, ma sicuramente sarà più semplice e mi ispirerò a questa collana…

Infatti quella della foto qui accanto è un’originale collana con tanto di tutorial in inglese che potete trovare qui. Ed è anche semplicissima da realizzare!

Pensavo di mettervi il link ad un sito per tradurre l'”inglese tecnico” dei punti all’uncinetto, ma alla fine ho tradotto il tutorial in italiano per voi 🙂 In ogni caso, se dovesse capitarvi di trovare tutorial in inglese  niente paura, cliccate qui e troverete le traduzioni di tutti i punti, sia all’uncinetto che ai ferri!

Ecco la mia traduzione.

(Prima striscia)
Avviare 33 catenelle.
Giro 1: maglia alta nella terza catenella partendo dall’uncinetto, maglia alta per tutto il giro.
Giro 2: 3 catenelle, girare il lavoro, maglia alta nel primo punto, *3 catenelle, maglia alta nel punto seguente* ripetere da * a * per tutto il giro
Giro 3:  3 catenelle, girare il lavoro, maglia alta nel primo punto, ora lavorare i seguenti punti nel buco creato dalle catenelle sottostanti: *[una maglia altissima, una catenella, 2 maglie altissime, una catenella, una maglia altissima], 3 catenelle, saltare un buco, maglia bassa nel buco seguente, 3 catenelle, saltare un buco* e nel buco seguente lavorare i punti []. Continuare da * a * fino alla fine del giro. Maglia alta nel punto rimanente, spezzare e fissare il filo.

(Seconda striscia)
Ripetere lo stesso procedimento ma partendo da 29 catenelle.

(Terza striscia)
Ripetere lo stesso procedimento ma partendo da 25 catenelle.

Ora cucire assieme le 3 striscie, alternando gli smerli in questo modo.

Posizionare su un piano la striscia più grande, e partendo dallo smerlo centrale, cucirlo sopra i bordi della striscia da 29 catenelle, ma solo in due punti (a inizio e fine smerlo, nella parte alta della U formata). Fare lo stesso per la striscia più piccola, attaccare una catenella e la collana è pronta!

Nota: Il modello varia in base al tipo di filato utilizzato (fine o grosso). Per rendere le striscie più o meno lunghe, basta aumentare o diminuire le catenelle iniziali di 4 punti.

Se realizzate questa collana mandatemi una foto (firmata) così la pubblico nel blog!

Buon lavoro! 🙂