Punti particolari all’uncinetto – parte 3

Eccoci con una nuova “puntata” di punti particolari all’uncinetto 😉 Trovi la prima parte qui e la seconda parte qui. Iniziamo subito!

11) groovy-ghan (Non ho idea di come si traduca in italiano 🙂 )

groovy-ghan Quando ho visto questo punto mi è venuta subito una gran voglia di provarlo! Trovo stupendo quest’effetto in rilievo e la lavorazione è tra l’altro molto semplice, quindi se ti piace puoi sperimentare immediatamente! Trovi le spiegazioni in inglese in questo blog, nel quale ci sono anche le immagini con le spiegazioni passo paso, buon divertimento!

12) Punto primula – Primrose stitch

PuntoPrimula Questo punto l’ho preso da questo blog e per farlo si usano semplici punti base, ovvero catenella, punto basso, punto mezzo alto e punto alto. Nel blog c’è anche un video che spiega la lavorazione che posto qui sotto.

13) Ribbonberry (Anche per questo punto non ho trovato una traduzione in italiano)

Ribbonberry

L’ho trovato in questo blog nel quale oltre alla spiegazione passo passo corredata da diverse foto, si trovano anche due link ai tutorial per creare un paio di guanti e degli scaldamuscoli. Seguendo le indicazioni del link al blog che ho messo qui sopra invece si potrà realizzare uno scaldacollo. Son presenti anche due brevissimi video nei quali l’autrice fa vedere un passo della lavorazione e come creare una cucitura invisibile per chiudere lo scaldacollo. E’ un punto che necessita di un po’ di attenzione, ma si può fare 😉 Ti ricordo che per avere la traduzione in italiano dell’intero post, basta copiare il link nella barra di traduzione di google translate e cliccare su traduci. Buon lavoro!

14) Punto ragno – Spider Stitch

PuntoRagno

Anche questo punto proviene da un sito americano, questo. Nel web si trovano diverse varianti, anche  fatte a punto alto, io vi propongo quella col punto basso.

L’autrice del post lo propone in due versioni.

Nella prima si parte da una catenella di base formata da un numero dispari di catenelle + 2 e si segue questo schema:

1 Giro: (punto basso, catenella, punto basso) nella 3 ° cat dall’uncinetto, * saltare una catenella di base e (punto basso, catenella, punto basso) nella catenella successiva, ripetere da * per tutto il giro. Terminare con un punto basso per chiudere il giro e voltare il lavoro.

2 Giro: 2 catenelle, saltare i primi due punti, e fare (punto basso, catenella, punto basso) in ogni spazio sottostante (quello ottenuto saltando la catenella di base del primo giro). Procedere così per tutto il giro e chiudere con un punto basso.

Tutti gli altri giri si fanno come il secondo, lavorando i gruppi di tre punti (punto basso, catenella, punto basso) dentro lo spazio sottostante, in mezzo ai gruppi di 3 punti del giro precedente.

Nella seconda versione invece si parte da un numero pari di catenelle di base ed i bordi del lavoro vegono più dritti, vediamola.

1 Giro: maglia bassa nella seconda cat dall’uncinetto e continuare a maglia bassa per tutto il giro.

2 Giro: una catenella, un punto basso nel primo punto basso sottostante, saltare un punto ed un punto basso nel punto successivo, * (punto basso, catenella, punto basso) nella maglia bassa successiva, saltare la maglia bassa seguente, ripetere da * per tutto il giro e terminare con un punto basso, quindi girare il lavoro.

3 Giro: una catenella , un punto basso nel primo punto basso sottostante, * (punto basso, catenella, punto basso) nel punto successivo, ripetere da * per tutto il giro e terminare con una maglia bassa, quindi girare.

Ripetere il terzo giro fino a raggiungere il numero desiderato di righe.

Giro di Finitura:  una maglia bassa, * una maglia bassa nel punto seguente, saltare un punto e ripetere da * per tutto il giro che terminerà con una maglia bassa.  La riga finale avrà lo stesso numero di punti di quella iniziale.

Annunci

Punti particolari all’uncinetto – parte 2

Eccoci alla seconda parte di questo post. Trovi la prima parte qui.

7) Punto onda (ripple-wave stitch) in 4 varianti, preso da questo post, nel quale ci sono anche tutte le spiegazioni

PuntoOnda

Ed ecco un video in italiano del punto onde, prima parte:

Seconda parte:

8) Punto coccodrillo – Crocodile stitch

Questo punto è molto decorativo e si fa in due fasi: nella prima si crea una sorta di scheletro alternando punti alti singoli e punti alti doppi. Questi ultimi serviranno come base per fare i “ventaglietti” che verranno poi fissati con un punto bassissimo ai punti alti singoli. Richiede parecchio filato e si può usare per fare diverse forme, quadrata (o rettangolare), a rombo, a triangolo e si può pure lavorare in tondo.

Ecco il primo video che mostra come realizzare due forme, il rettangolo ed il rombo

Qui invece si spiega come creare un triangolo

In quest’altro video infine si vede come realizzare un quadrato lavorando in tondo, partendo cioè dal centro del quadrato

9) Punto nocciolina – Puff stitch

Questo punto viene spesso confuso col punto pop corn, che vedremo in seguito. Ovviamente i due punti son diversi, purtroppo si fa spesso confusione con i nomi…

Ecco qui un chiaro video del punto nocciolina

ed ecco un video del

10) Punto pop corn – Popcorn stitch

Questo è un video in italiano che spiega come fare il punto popcorn, ma come ho scritto prima a volte si fa confusione con i nomi, infatti lo chiamano erronemente punto nocciolina…

Ecco un altro video che mostra due varianti per chiudere il punto popcorn. Nel video qui sopra infatti si chiudono i 5 punti alti con una catenella, invece qui sotto si usano nel primo caso un punto alto e nel secondo un punto basso

E per finire ecco un’altra variante del punto popcorn nella quale i 5 punti alti vengono chiusi tutti assieme:

Se vuoi scoprire altri punti clicca qui per leggere la terza parte di questo post.

Uncinetto a forcella

Qualche giorno fa ho comprato finalmente la forcella!!!! 🙂

… e quindi mi son subito fiondata su youtube per cercare spunti e dare un’occhiata alle diverse tecniche… non so ancora cosa ci farò, ma intanto voglio sperimentare.

Ho trovato svariati video sull’utilizzo della forcella, che come saprete si usa con l’uncinetto e che permette di fare delle strisce che poi vengono unite con diverse tecniche. Fra i vari video ne ho trovato uno (in due parti) semplicemente stupendo, che spiega ben 11 modi diversi per fare le fasce con la forcella, come potete vedere nelle due immagini qui sotto

ForcellaVarianti1

ForcellaVarianti2

I video sono opera del sito tejiendoperu e questa è la loro pagina facebook…io sono subito diventata fan 🙂

Ed ora basta con le parole, ecco a voi i video, che sono in spagnolo ma son semplicissimi perchè spiegati passo passo, quindi buona visione e buona sperimentazione! 😉

Schemi uncinetto vintage

Oggi son passata a fare un giretto in un bel blog che seguo e che vi consiglio di seguire 🙂

Si chiama Crochet Circus e ci sono diversi articoli interessanti! Proprio oggi è stato pubblicato un post che aspettavo sulla cardatura della lana 🙂 … lo trovate qui.

Ma quello che vi voglio proporre è un altro… ho fatto un copia e incolla dell’ articolo che potete leggere qui sotto e che trovate a questo link… un tuffo nel passato ed una ricca fonte di schemi all’uncinetto d’altri tempi! Purtroppo ho visto che il secondo link non porta a nessuna pagina, probabilmente il blog in questione è stato chiuso, ma gli altri funzionano perfettamente e sono ricchissimi di schemi gratuiti!

Vi auguro buona ricerca, lettura e sperimentazioni e ringrazio Crochet Circus per aver condiviso sul suo blog! ❤

____________________________________________

Visto il mio interesse, oltre che per l’uncinetto, anche per gli antichi mestieri,  non potevo non fare una ricerca in rete di schemi all’uncinetto che riguardasse epoche passate. In realtà ce ne sono molti, alcuni gratuiti, altri a pagamento, ma tutti riportati su affascinanti carte sbiadite o ingiallite.

Se vi va fatevi un tuffo indietro nel tempo, chissà che non troviate l’ispirazione per i vostri lavori contemporanei.

Ecco quello che ho trovato:

Un catalogo completo di riviste che iniziano dal 1860 per coprire i primi decenni del 1900. Un progetto bellissimo che permette di scaricare in pdf le riviste con licenza Creative Commons e di vedere gli schemi che le donne utilizzavano in quegli anni.

Antique Pattern Library

Centinaia di schemi e progetti gratuiti a uncinetto a maglia e con altre tecniche, suddivisi per tematiche: Vintage Crafts

Un sito che è una vera e propria galleria di schemi e progetti gratuiti con suggestive immagini  in bianco e nero d’epoca. Anche qui gli schemi sono suddivisi per tematica e sono facili da trovare.

Antique Crochet patterns

  Raccoglie una serie di riviste in lingua inglese che sono state scannerizzate e catalogate. Ricco di immagini dei primi del ’900.

Antique Crochet

Schemi di fiori, gioielli, cappelli d’epoca.

Free vintage crochet

Non vi resta che mettervi lì con pazienza e cercare tra le opere realizzate negli anni, uno spunto per i vostri lavori all’uncinetto.

Gioielli di cotone all’uncinetto – 1a parte

Nonostante l’apparenza non sono scomparsa! 🙂

Lo so è da tanto che non scrivo sul blog, ma mi sono dedicata anima e corpo alla mia grande passione: l’uncinetto!

In questo periodo visto che siamo in estate e non posso fare i miei adorati cappelli di lana, mi sono data ai gioielli in cotone, collane, bracciali, orecchini ed anelli! Sto pian piano fotografando il tutto (mi sono costruita anche una lightbox 🙂 ) e mettendo on line su Blooming e su Etsy, poi caricherò le mie creazioni anche su altri negozi online come Artesanum ed altri…

Per ora vi lascio qualche foto delle mie nuove creazioni e pattern (in italiano o in inglese) che potete acquistare nei siti linkati sopra, a presto! 🙂

Sperimentiamo con l’uncinetto

Guardate cosa ho trovato ieri su questo sito! 🙂

L’uncinetto è uno strumento estremamente versatile, che permette di creare svariate forme, come potete vedere in queste due immagini. Cliccando sul link che porta al sito troverete anche le spiegazioni, in inglese, per realizzarle.

Nell’immagine piccola c’è qualche esempio di uncinetto iperbolico, ma di questo vi parlerò prossimamente in un altro post, perchè l’argomento merita uno spazio tutto suo e molto probabilmente dedicherò all’Hyperbolic crochet una serie di articoli, quindi se vi interessa approfondire seguitemi e non ve ne pentirete! 🙂

Per il momento divertitevi a sperimentare il più possibile… è questa secondo me, la via più proficua e allo stesso tempo divertente per migliorare sempre di più… e non solo con l’uncinetto!

Infatti quando si segue uno schema il risultato è prevedibile, scontato, nel senso che si sa già cosa verrà fuori… a questo servono schemi, pattern e tutorial, a riprodurre un oggetto già visto, quindi a copiarlo

In questo non c’è nulla di male, anche se io lo trovo piuttosto noioso…. di solito infatti non seguo schemi e anche quando lo faccio uso lo schema solo come “base” e non lo seguo mai fedelmente, lo cambio sempre, aggiungendoci del mio.

Perchè una volta acquisita una certa padronanza dello strumento, secondo me bisogna buttarsi, andando ogni tanto anche a ruota libera, come si fa col free form. Ciò vi permetterà di mettere alla prova le vostre competenze, di acquisirne altre (perchè si sa le cose si imparano facendole), di liberare concretamente fantasia e creatività. Perchè sperimentare significa in un certo senso percorrere una strada sconosciuta, nella quale si conosce il punto di partenza ma non quello di arrivo, la meta finale e ciò significa che la strada percorsa sarà solo vostra e… piena di avventure! 🙂

E poi, anche se qualcun’altro l’avrà percorsa prima di voi, cosa molto probabile visto che ormai quasi tutto è stato inventato, il fatto che voi ci siate arrivati da soli e senza sapere che altri avevano già fatto una cosa simile (o addirittura uguale)  non ha prezzo, è una grande soddisfazione, credetemi! 🙂

Quindi Fare e Disfare continuamente finchè non si è soddisfatti del risultato… vedrete che prima o poi si accenderà una lampadina e sarà tutto merito della vostra creatività! 🙂

Tutorial cappello unisex all’uncinetto

Oggi vi propongo un mio Tutorial per un Cappello unisex molto semplice e veloce da realizzare!

Come potete vedere dalla foto qui sopra si può portare in due modi, sia più lungo dietro, che un po’ più corto piegandolo sulla testa e formando una fascia. L’ho fatto per un mio amico che però non si è fatto fotografare e allora per fare queste foto, ho appuntato un fiore per renderlo un po’ più femminile ed ho usato la mia modella… lei non si lamenta mai e fa tutto quello che dico io! 🙂

Per farlo ho usato la meravigliosa lana che vedete in foto, è morbidissima, abbastanza grossa e lavorarla è un vero piacere!

Ne ho usati circa 150 grammi. Oltre alla lana e all’uncinetto adatto (io ho usato il 5 se non ricordo male) vi servirà pure un ago da lana senza punta.

Prima di partire con la semplicissima spiegazione, sappiate che le catenelle iniziali varieranno a seconda della circonferenza della testa di chi indosserà il cappello, ma anche a seconda della lana che usate, dell’uncinetto che usate e pure… della vostra mano, quindi è inutile dirvi quante catenelle fare! Per determinare il numero esatto di catenelle dovete fare delle prove creando dei campioncini per misurare la resa della lana.

Fate quindi il numero di catenelle che vi servono e chiudete in cerchio, quindi lavorate a spirale come segue:

Il primo giro a punto basso; I restanti giri a punto mezzo alto fino a raggiungere l’altezza di 31 cm, quindi potete spezzare il filo; Attaccate il filo alla parte iniziale, quella a punto basso e fate un bordino tutto attorno a punto gambero.

A questo punto rigirate il cappello dal rovescio, come vedete in foto (N.B. Per ingrandire la foto basta cliccarci sopra!), prendete circa 60 cmq di filo, infilatelo nell’ago e, tenedolo doppio, passatelo a zig zag attraverso le maglie dell’ultimo giro. Tirate il filo ben stretto, annodate le due estremità e date due punti con l’ago per fissare bene il tutto. Affrancate il fili ed il vostro cappellino è pronto!

Se volete potete anche aggiungere un fiore cucendolo direttamente sul cappello oppure fissandolo con una spilla di sicurezza, in modo da poterlo facilmente attaccare e staccare, potendo usare il cappello nelle due varianti di lunghezza.

Buon lavoro! 🙂

Gruppo Facebook: Condivido con il cuore

Foto Dreamstime.com

Nel mio post precedente vi ho detto che su Facebook faccio parte di due gruppi, ed oggi vi voglio parlare del secondo gruppo al quale mi sono iscritta. Si chiama “Condivido con il cuore crochet-cucito-riciclo creativo” e l’ho conosciuto attraverso i commenti di alcune partecipanti all’altro gruppo.

Le moderatrici Elena Regina (l’ideatrice del gruppo) e Perla Perlina sono simpaticissime e molto disponibili e naturalmente anche ottime creative!

Nel gruppo ho già imparato e scoperto molte cose e l’ispirazione è continua… per esempio se si trova nel web un punto all’uncinetto (o ai ferri) che si vorrebbe usare ma che non si conosce, come si fa? Semplice! Basta postare il link nel gruppo, mettendo la foto del punto in questione, e consigli e suggerimenti fioccano a non finire!

Logo di "Condivido con il cuore"

Se si sta realizzando una borsa, un cappello o qualsiasi altra cosa e per un qualche motivo ci si blocca, cosa si fa? Niente paura, nel gruppo “Condivido con il cuore” si trovano delle meravigliose donne pronte a darvi tutte le informazioni e l’aiuto di cui avete bisogno, una vera e propria scuola di “lavori femminili”, perchè non si parla solo di uncinetto, ma anche di maglia, di cucito, di riciclo creativo, di cucina e di tante altre belle cose! 🙂

E di link che circolano nel gruppo ce ne sono veramente tantissimi ed in tutte le lingue! Non si trovano solo i soliti video di youtube che conoscono tutti, ma schemi e modelli molto particolari e difficilmente raggiungibili utilizzando un semplice motore di ricerca. Insomma un fermento creativo ed una fonte inesauribile di ispirazione!

Per capire la filosofia di “Condivido con il cuore” basta leggere l’apposita nota:

– In questo gruppo le nostre idee vanno condivise in questo gruppo chi ha bisogno chiede aiuto senza vergogna 😉
– In questo gruppo si possono mettere le foto dei nostri lavori e di quelli che il web ci permette di condividere!
– In questo gruppo non si copiano i lavori fatti esclusivamente x altri gruppi
– In questo gruppo chi è più esperta da una mano a chi inizia …
– In questo gruppo la gelosia non esiste
– In questo gruppo non si vende niente (usare le pagine o i profili personali )
– In questo gruppo i documenti e le foto sono sempre visibili in qualsiasi momento
РIn questo gruppo la vostra Regina ̬ sempre disponibile a darvi una mano
– In questo gruppo regna amore e armonia ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

Uno dei progetti che mi ha colpito di più è quello delle “Coperte del cuore” sul quale Perla ha scritto un post.

Il gruppo ha infatti partecipato ad una lodevole iniziativa, proposta da Lia Gallo, il “Progetto Africa“. Lia si è recata in Africa ed ha visto con i suoi occhi le condizioni disastrose nelle quali vivono le persone. Si è quindi impegnata personalmente per fare qualcosa di concreto per aiutarli portando vestiti, giocattoli, medicinali, beni di prima necessità insomma e… coperte, come quella stupenda che potete ammirare nelle foto qui sopra… che dire? Grazie di cuore Lia!!!

Per farlo ha chiesto l’aiuto delle meravigliose donne del gruppo e ognuna ha fatto quel che poteva, inviando le proprie piastrelle che poi sono state assemblate da Elena Regina, Galia Fabris e Stella Anselmo per fare delle stupende coperte da regalare ai nostri fratelli africani.

Quindi come potete vedere grazie ad un gruppo creato su facebook e grazie alla generosità e alla disponibilità di tante creative, il mondo si può cambiare in meglio! Perchè secondo me sono le tante piccole cose che ognuno nel proprio piccolo fa a rendere ciò possibile, infatti ognuno di noi può contribuire con la sua goccia… perchè ricordiamoci che anche l’oceano è formato da tante piccole goccie e quando si “Condivide con il cuore” avviene la magia…

Per entrare a farne parte basta avere un account su facebook, cliccare qui e richiedere d’essere iscritte al gruppo!

Vi aspetto per… Condividere con il

______________________

Errata corrige

Riguardo alle coperte realizzate (che erano due), una è stata sorteggata fra le partecipanti e l’altra venduta, ed il ricavato è stato donato per aiutare le popolazioni dell’Africa.

Tutorial: Collana all’uncinetto

Devo dire che quando l’ho vista per la prima volta su Pinterest, l’ho scambiata per una borsetta. Molto probabilmente perchè me ne ricorda un po’ una che ho fatto recentemente, in lana bianca e “con i fronzoli” 🙂 ma molto complessa e in 3d, a forma di sfera… Quando mi deciderò a foderarla ve la farò vedere! Comunque penso che prima o poi ne farò un’altra, ma sicuramente sarà più semplice e mi ispirerò a questa collana…

Infatti quella della foto qui accanto è un’originale collana con tanto di tutorial in inglese che potete trovare qui. Ed è anche semplicissima da realizzare!

Pensavo di mettervi il link ad un sito per tradurre l'”inglese tecnico” dei punti all’uncinetto, ma alla fine ho tradotto il tutorial in italiano per voi 🙂 In ogni caso, se dovesse capitarvi di trovare tutorial in inglese  niente paura, cliccate qui e troverete le traduzioni di tutti i punti, sia all’uncinetto che ai ferri!

Ecco la mia traduzione.

(Prima striscia)
Avviare 33 catenelle.
Giro 1: maglia alta nella terza catenella partendo dall’uncinetto, maglia alta per tutto il giro.
Giro 2: 3 catenelle, girare il lavoro, maglia alta nel primo punto, *3 catenelle, maglia alta nel punto seguente* ripetere da * a * per tutto il giro
Giro 3:  3 catenelle, girare il lavoro, maglia alta nel primo punto, ora lavorare i seguenti punti nel buco creato dalle catenelle sottostanti: *[una maglia altissima, una catenella, 2 maglie altissime, una catenella, una maglia altissima], 3 catenelle, saltare un buco, maglia bassa nel buco seguente, 3 catenelle, saltare un buco* e nel buco seguente lavorare i punti []. Continuare da * a * fino alla fine del giro. Maglia alta nel punto rimanente, spezzare e fissare il filo.

(Seconda striscia)
Ripetere lo stesso procedimento ma partendo da 29 catenelle.

(Terza striscia)
Ripetere lo stesso procedimento ma partendo da 25 catenelle.

Ora cucire assieme le 3 striscie, alternando gli smerli in questo modo.

Posizionare su un piano la striscia più grande, e partendo dallo smerlo centrale, cucirlo sopra i bordi della striscia da 29 catenelle, ma solo in due punti (a inizio e fine smerlo, nella parte alta della U formata). Fare lo stesso per la striscia più piccola, attaccare una catenella e la collana è pronta!

Nota: Il modello varia in base al tipo di filato utilizzato (fine o grosso). Per rendere le striscie più o meno lunghe, basta aumentare o diminuire le catenelle iniziali di 4 punti.

Se realizzate questa collana mandatemi una foto (firmata) così la pubblico nel blog!

Buon lavoro! 🙂

Uncinetto Tutorial: I punti base

Uno dei temi che tratterò molto in questo blog è l’uncinetto.

Io ho iniziato da bambina guardando mia nonna fare le presine, avevo circa 10 anni e quindi è da circa 30 anni che lo uso, non in modo continuativo ma con pause a volte di diversi anni.

Ultimamente l’ho ripreso e praticamente quasi tutti i giorni cerco il tempo per fare le mie creazioni.

La cosa mi rilassa e mi appaga molto, anche perchè una volta acquisita la tecnica si può fare praticamente di tutto!

Quindi oggi voglio postare un video per chi non ha mai provato e vuole cimentarsi con questa antichissima tecnica.

In questo video vedrete i punti base, ovvero catenella (nella foto in rosso), maglia bassa (nella foto a destra in basso in marrone e in alto in grigio), maglia bassissima, maglia mezza alta e maglia alta (nella foto in bianco). Una volta imparati questi punti potete sbizzarrirvi con quelli più “complicati” perchè derivano praticamente tutti da questi semplici punti di base.

Per guardare il video cliccate qui sotto!

Video tutorial sull’uncinetto: impara i punti base

Buona visione!